CORSO 3D STUDIO MAX 2017 & VRAY

Corso 3D Studio Max  insegna a gestire complesse operazioni di modellazione 3D, a creare materiali realistici e fisicamente corretti, a realizzare ambienti illuminati con luci di varia natura e a utilizzare render statici e animati

Tags: , ,

  • 56 ore
  • 09:00 - 17:00
Policy rinuncia

Tenuto da uno dei massimi esperti italiani di modellazione e rendering, il corso permette di raggiungere la piena conoscenza nella modellazione 3D di oggetti di design, per l’architettura e l’arredamento, per la pubblicità attraverso 3ds Max 2017 ed i motori di rendering Vray e Vray RT. Il corso si sviluppa su due moduli da 4 giorni ciascuno; nel primo il focus è sulla modellazione 3D nativa con 3ds Max, l’utilizzo pieno dei modificatori e sulle modifiche di modelli 3D importati da sistemi CAD 2D e 3D (AutoCAD, Revit, Rhino, SketchUp, ecc.);  mentre il secondo è dedicato interamente al rendering con VRay, all’animazione di oggetti e camere, e al completamento del progetto realizzato durante la prima fase. La formazione quindi, introduce e sviluppa pienamente argomenti quali:

- Applicare i materiali più realistici e simulare l’illuminazione ottimale dello studio fotografico virtuale.
- Gestire il motore di rendering Vray nei suoi più sofisticati parametri.
- Esplorare le tecniche di rendering, dalle più semplici alle più evolute, per la creazione di immagini di sintesi foto-realistiche.

3ds Max e Vray sono usati dai migliori studi di architettura e design, dagli artisti del cinema e video, nonché professionisti della visualizzazione di progetti, per creare immagini digitali di eccezionale qualità e del massimo realismo, oltre ad animazioni ed effetti visivi straordinari.

Obiettivo: Farti diventare autonomo nella creazione di modelli e rendering ad alto impatto.

Il corso è destinato a architetti, studenti, ingegneri, designer, illustratori e appassionati del mondo della Computer Grafica in generale.

Al termine del corso riceverai un attestato Autodesk Authorized Training Center.

Prerequisiti: E’ richiesta una conoscenza anche base dei PC/Mac e sufficiente capacità di operare in ambiente Windows e/o Mac/OS. Nozioni di disegno/illustrazione.

Nessuna precedente esperienza di modellazione 3D è necessaria, mentre una seppur minima conoscenza di un qualunque sistema di modellazione/animazione è considerata un plus.

Requisiti:  Per frequentare il corso è necessario portare il proprio notebook con installata l’ultima versione del software.

Chi avesse difficoltà a portare il proprio PC/Mac può richiederne uno in noleggio al prezzo di 25 euro al giorno.

I corsi in aula vengono confermati al raggiungimento del numero minimo di partecipanti.
Per questo chiediamo a tutti di iscriversi quanto prima, in modo che possiamo confermarvi il corso con il maggiore anticipo possibile.
I corsi vengono proposti in ogni sede, una o due volte all’anno a seconda dell’argomento.

Le iscrizioni avvengono tramite il sito EVENTBRITE.

Se il corso non è ancora attivo, cioè non ha raggiunto il numero minimo di partecipati, è possibile prenotarsi.
La prenotazione prevede il pagamento di una caparra di € 50,00 + IVA.
Al momento dell’attivazione del corso verrà richiesto l’acquisto del biglietto ISCRIZIONE CORSO/SALDO e il pagamento.

La promozione Early Price (sconto del 10%) è valida per le prenotazioni giunte 30 giorni prima l’inizio del corso.

La caparra è sempre di € 50,00 + IVA, il saldo terrà conto dello sconto a cui si ha diritto.

Qualora non si raggiunga il numero minimo di persone per una specifica data, verrai avvisato per tempo e potrai scegliere se mantenere l’iscrizione per la data successiva o se chiedere il rimborso.

Gli studenti hanno diritto ad uno sconto del 50% per tutti i corsi in aula.

VUOI PROVARE MA NON SEI SICURO? Abbiamo pensato anche a questo con la formula 2 CORSI AL PREZZO DI UNO. Per i corsi in aula è possibile frequentare lo stesso corso 2 volte; se vuoi ripassare gli argomenti del corso svolto, hai tempo per frequentarlo di nuovo, in una qualsiasi delle nostre sedi, entro un anno dalla prima edizione. Si potrà frequentare nuovamente e gratuitamente qualsiasi corso per il quale non sia stato modificato il programma e comunque entro 12 mesi dall’edizione a cui hai partecipato. Saremo felici di rivederti in aula.

 

Programma

Prima settimana – Modellazione con 3ds Max

Primo giorno

  • Panoramica dell’ interfaccia di 3ds Max, impostazione delle preferenze, navigazione nell’ambiente 3D e configurazione delle finestre grafiche.
  • Comandi principali e analisi delle funzionalità di 3ds Max per comprendere ciò che lo differenzia dagli altri programmi di grafica 3D.
  • Scorciatoie da tastiera e Tips&Tricks per velocizzare di molto il flusso di lavoro
  • Le primitive parametriche base ed estese: quando sceglierne una al posto che un’altra e come sfruttare al massimo le loro caratteristiche.
  • Comandi di base: selezione, spostamento, rotazione, scala, clonazione e specchiatura.
  • Metodi di misurazione e sistemi di precisione per lavorare con cura millimetrica.
  • Creazione di modelli semplici partendo dalle primitive ed utilizzando gli strumenti appresi.

Secondo giorno

  • Gestione delle cartelle progetto per lavorare con ordine anche tra più collaboratori, i metodi di salvataggio e di esportazione.
  • Impostazione della griglia e degli Snap per una precisione infinitesimale.
  • Utilizzo di modificatori avanzati per creare modelli unici.
  • Modifica del Pivot e del Selection Center per gestire il baricentro dei modelli.
  • Analisi delle curve iniziali e delle loro caratteristiche.
  • Come disegnare le spline e come importarne di già esistenti da Autocad.
  • Creare superfici partendo da curve tramite i modificatori, per esempio estrusioni, torniature, modanature.
  • Generare cornici ed estrusioni lungo curve complesse.

Terzo giorno

  • Importazione di modelli 3D, come risolvere eventuali problemi e riconoscere le differenze fra i vari formati.
  • Collegamenti in tempo reale con Autocad e Revit, per aggiornare senza alcuna reimportazione il modello finale fra un programma e l’altro.
  • Ottimizzazione e correzione degli oggetti importati tramite gli strumenti di modellazione
  • Creazione di superfici complesse basate su curve e poligoni.
  • Importazioni di immagini reali da utilizzare come reference per ricostruire il modello 3D.
  • Comprensione dei due metodi di modellazione: Low Poly e High Poly.
  • Smussature dei bordi come beneficio per il realismo nel render.
  • Utilizzo di booleane per ricreare geometrie complesse tramite ProBoolean.

Quarto giorno

  • Simulazioni realistiche di tessuti di ogni tipo con il modificatore Cloth: vestiti, cuscini, lenzuola.
  • Distribuzione randomica degli oggetti su superfici con il MultiScatter, che siano questi alberi di un parco o giocattoli nella stanza di un bambino.
  • Simulazioni fisiche degli oggetti con MassFX per oggetti in pose reali e convincenti.
  • Simulazione di folle in posizione statica o animate lungo percorsi con Populate per dare vita alle nostre scene in maniera rapida ed efficace.
  • Considerazioni su eventuali Plugin esterni per migliorare il flusso di lavoro.

Seconda settimana – V-Ray

Primo giorno

  • Utilizzo delle telecamere V-Ray con i controlli avanzati: Focale, ISO, Tempi di otturazione.
  • Consigli pratici per posizionare e sfruttare al massimo le inquadrature, per aumentare l’efficacia della comunicazione e la percezione della prospettiva.
  • Analisi dei parametri essenziali per comprendere V-Ray: Irradiance Map, GI, Antialiasing, Light Cache, Sampling.
  • Allestimento di un Set Limbo proprio come negli studi fotografici (sezione cilindrica o piano curvo) con le tre luci principali (Key, Fill e Rim).
  • Strategie e tecniche per ottimizzatre i tempi di render in fase di testing, per trovare i giusti compromessi fra qualità alta e tempi di render rapidi.
  • Primo sguardo al Material Editor, crezione di materiali realistici e assegnazione di questi agli oggetti in scena.

Secondo Giorno

  • Impostazioni del Render Setup di V-Ray e salvataggio di diversi Preset da riutilizzare per risparmiare tempo.
  • Gamma & Lut: cos’è e perchè va prestata molta attenzione.
  • Principi base e tecniche di illuminazione per gli interni di giorno, analisi del colore e dei contrasti per generare un immagine leggibile, piacevole e realistica.
  • Contrasto fra luce naturale e luce artificiale: V-Ray Physical Sun e V-Ray Light.
  • Controlli avanzati del bilanciamento del bianco, delle temperature e del voltaggio delle luci in scena, della decadenza e della morbidezza delle ombre.
  • Eliminare le macchie e i vari artefatti analizzando e modificando le impostazioni di render.
  • I modificatore UVW Map e Unwrap per stendere il modello 3D e applicarvici sopra le texture con soluzione di continuità.
  • Creazione di Texure Seamless e varie mappe specifiche tramite strumenti base ed avanzati di Photoshop.

Terzo Giorno

  • Materiali V-Ray avanzati per ricreare materiali esistenti di grande complessità.
  • Utilizzo di texture fotografiche e di mappe procedurali.
  • Simulazioni di superfici specchiate, satinate, serigrafate, ruvide, bagnate tramite mappe di Reflection, Glossiness, Bump e Displacement.
  • Riprodurre molteplici tipi di vetro in maniera realistica, utilizzando parametri base e avanzati.
  • Effetti di traslucenza: 2SidedMaterial per ottenere effetti realistici su tendaggi, tessuti, carta e materiali ricorrenti nei render architettonici.
  • Gestione e creazione del Material Library, con la pobbilità di riutilizzare i materiali in altri progetti.
  • L’utilizzo di Environment Map e Mappe HDR per illuminazioni fedeli alla realtà.
  • Materiali luminosi e geometrie luminose, per ricreare scene reali particolari.
  • Illuminazioni di render con luce diurna e notturna: consigli pratici per centrare l’obiettivo.

Quarto Giorno

  • Utilizzo di strumenti professionali per il fotoinserimento e analisi dei requisiti per la sua buona riuscita.
  • Creazione di tappeti, tessuti e prati realistici tramite V-Ray Fur, il modificatore Hair and Fur e VrayDisplacement.
  • Sfocatura di campo realistica tramite la VrayPhisical Camera oppure la Zdepth Map.
  • Render Elements per esportare il render in diverse parti (riflessione, ombre, GI, luci, trasparenze) ed avere poi totale libertà nel ricomporle e modificarle in fase di postproduzione tramite Photoshop.
  • Creazione di maschere Object Select e Material Select per favorire il processo di selezione in fase di postproduzione.
  • Strumenti base ed avanzati di Photoshop per trasformare il nostro render nell’immagine ad alto impatto visivo che avevamo ideato.
Condividi questo corso